Come funziona la Raccolta dei Rifiuti a Napoli

Il sistema di smaltimento dei rifiuti a Napoli sta facendo dei passi da gigante e questo perché l’azienda municipalizzata che si occupa della differenziata in città ha messo in campo un calendario molto particolare e dettagliato che serve proprio per educare alla cittadinanza al rispetto della normativa sulle corrette modalità di conferimento rifiuti solidi urbani.

La raccolta rifiuti a Napoli infatti nel corso del tempo sta migliorando e soprattutto, ora si seguono tutta una serie di regole davvero rigide. Innanzitutto, c’è da dire che si differenzia tra carta e cartone, plastica e metalli, vetro e umido e ci sono dei calendari specializzati per la differenziata negli uffici, nelle scuole e per determinati tipi di aziende.

I dati sono molto incoraggianti. Infatti da gennaio del 2017, fino allo scorso settembre c’è stato un aumento in percentuale rispetto agli anni precedenti nello stesso periodo. La percentuale della differenziata tra il 2016 e il 2017 ha raggiunto anche dei picchi importanti, soprattutto lo scorso settembre dove i punti in percentuale dei dati della raccolta differenziata sono arrivati al 33,8% contro il 31,7% di quelli del 2016 nello stesso periodo.

I dati da cui si era partiti non riuscivano a superare la soglia del 27% , ma ora l’andamento sembra molto diverso.

Lo smaltimento dei rifiuti dopo la raccolta differenziata a Napoli

Molti si chiedono dove andranno a finire i rifiuti una volta che c’è stata la raccolta differenziata nella città di Napoli perché questa era stato uno dei problemi chiave che aveva portato l’emergenza rifiuti negli anni passati nel capoluogo campano.

Ebbene, l’amministrazione comunale è stata molto chiara nella gestione di rifiuti tanto che ha voluto pubblicare tutte quelli che sono le destinazioni delle singole categorie di rifiuti e perciò sia gli ingombranti, abbigliamento, rifiuti biodegradabili, medicinali così come anche elettrodomestici, scarti industriali o edili vengono portati tutti in precise e specializzate discariche.

Vedi anche  Come funziona la caldaia a condensazione?

Allo stesso modo, sempre nell’ottica della trasparenza, sono stati resi noti tutti i punti e le isole ecologiche in cui si possono fare dei conferimenti diretti.

Sul sito dell’azienda municipalizzata del Comune di Napoli si è anche parlato molto di alcuni falsi miti rispetto alla raccolta differenziata e tutta questa campagna di sensibilizzazione ha come scopo sempre quello di prevedere per i cittadini una sorta di educazione costante a mettere in campo la raccolta differenziata in maniera giusta.

Questo ovviamente nel lungo periodo servirà a portare maggiori risultati e a prevedere – perché no – anche a degli sconti ai cittadini virtuosi dopo gli anni bui dell’emergenza rifiuti.