Posizionamento sui motori di ricerca, 5 motivi per puntare sulla SEO

miglioramento seo

Negli ultimi tempi, con il progredire e il perfezionamento degli algoritmi di Google, è sempre più noto a tutti che ottenere un buon posizionamento e una giusta visibilità sui motori di ricerca è indispensabile per poter raggiungere il proprio pubblico e, dunque, convertire (vendere il prodotto, conseguire un risultato, ottenere l’iscrizione alla newsletter e così via).

 

Quando vogliamo valutare l’acquisto di un prodotto, leggere una recensione, acquistare un biglietto aereo o prenotare un hotel, sempre più spesso, ci rivolgiamo ai motori di ricerca e, in particolare, a Google. L’algoritmo ha il compito di selezionare i migliori risultati, quelli che potenzialmente risponderanno meglio alla query digitata dall’utente nel campo di ricerca, e ordinerà tali risultati secondo la pertinenza.

 

L’obiettivo di una consulenza SEO diventa, dunque, quello di ottimizzare il sito cliente facendo in modo che risponda al meglio a specifici bisogni dell’utente. E facendo sì che l’algoritmo di Google possa identificarlo come tale e, quindi, posizionarlo il più in alto possibile nella SERP (acronimo di Search Engine Result Page, ovvero la pagina dei risultati di ricerca).

POSIZIONAMENTO MOTORI RICERCA: PERCHÉ PUNTARE SULLA SEO

Per questo motivo, per riuscire ad ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca, è consigliabile affidarsi ad un consulente SEO e Web Marketing che sappia mettere in atto tutte le azioni necessarie per dare la massima visibilità al sito in questione. Ecco 5 buoni motivi per cui affidarsi alla SEO:

  1. La visibilità dei risultati organici è di gran lunga maggiore rispetto a quella degli annunci a pagamento o sponsorizzati. Secondo alcune statistiche, oltre l’80% dei clic degli utenti dei motori di ricerca interessa i risultati organici a scapito di quelli a pagamento. Un buon motivo per cercare di ottenere un buon posizionamento SEO, o se non altro mettere in cantiere questa attività nel medio-lungo periodo.
  2. Utilizzare gli annunci sponsorizzati, almeno all’inizio dell’attività, è una buona strategia per farsi conoscere. Ma sul lungo periodo diventa molto dispendiosa. Il posizionamento sui motori di ricerca, al contrario, se raggiunto con tecniche lecite (White Hat SEO), permette di ottenere risultati duraturi nel tempo.
  3. Gli utenti sono abituati ad utilizzare Google e a fidarsi del motore di ricerca. Non individuare la propria attività nella prima pagina dei risultati potrebbe essere controproducente.
  4. Al contrario di quanto accade con i media tradizionali (basti pensare alla pubblicità in TV o in radio), il motore di ricerca restituisce risultati pertinenti alla ricerca compiuta dall’utente e quindi fornisce risposte precise a query ben definite. Individuando le giuste parole chiave, quindi, sarà possibile rispondere in maniera molto circostanziata ai bisogni manifestati dagli utenti.
  5. Un sito e-commerce, a maggior ragione, dovrebbe utilizzare tutti gli strumenti messi a disposizione dalla SEO e da Google per riuscire ad ottenere un’ottima visibilità. Gli utenti, infatti, secondo le più recenti statistiche, sono sempre più attivi nel commercio on line, soprattutto in determinati settori (in particolar modo, turismo, informatica, editoria, abbigliamento).
Vedi anche  Smartphone o Tablet? Ecco come scegliere l’oggetto giusto