Come trasformare uno smartphone in un ripetitore di segnale wifi

La connessione ad internet è una cosa a cui nessuno può più rinunciare, soprattutto in casa dove grazie all’utilizzo di router potenti e un buon ripetitore di segnale wifi, è possibile garantire copertura in tutta l’intera abitazione.

Quando si è fuori, invece, avere sempre a portata di mano la connessione ad internet è difficile, in realtà però non impossibile, grazie agli smartphone e alla possibilità di utilizzarli come ripetitori Wifi.

Prima di spiegarvi come fare, è bene sapere che utilizzare uno smartphone come ripetitore di segnale wifi richiede un elevato utilizzo di dati, per cui è consigliabile provare questa procedura se si ha una promozione attiva sul proprio numero relativa al traffico dati per navigare in internet.

Tra le tante funzioni offerte dai più moderni smartphone grazie alle applicazioni, è possibile anche sfruttare alcune funzionalità del sistema operativo Android, come la modalità di condivisione tethering Wifi.

Questa impostazione offre la possibilità di condividere con altri dispositivi la connessione ad internet dello smartphone quando Android è collegato alla rete, una funzione che rende il dispositivo simile a un ripetitore Wifi.

Per attivare il tethering Wifi cliccare su Impostazioni > Connettivtà, Wifi e poi su Tethering Wifi, dopo una brevissima configurazione, accendiamo il dispositivo che deve ricevere la connessione ed effettuiamo la ricerca delle reti Wifi attive.

Nell’elenco compariranno quelle disponibili inclusa quella creata con il Tethering, la selezioniamo, aspettiamo che si colleghi e inseriamo la password richiesta ( se impostata), poi diamo conferma e in pochi secondi avremmo a disposizione il nostro collegamento ad internet per un secondo dispositivo.

Alcuni piccoli accorgimenti: evitare di collegare contemporaneamente troppi dispositivi alla rete Tethering Wifi, altrimenti si corre il rischio di far surriscaldare lo smartphone.

Evitare di utilizzare per troppo tempo la connessione 3G per mandare il collegamento ad un secondo dispositivo se non si è sicuri di avere un pacchetto dati sufficiente per poter condividere la rete con più dispositivi senza andare incontro a spese esorbitanti.

Infine, il tethering Wifi può essere una buona opzione in caso di emergenza e in un momento di necessità improvvisa, ma non ne consigliamo l’utilizzo prolungato come soluzione definitiva per avere la connessione internet.