Le nuove regole in vigore nel calcio: una piccola rivoluzione

La stagione 2019/2020 è già ampiamente cominciata, seguita anche dalla prima uscita ufficiale delle nazionali di scena per le qualificazioni ad Euro2020, e gli appassionati o meno avranno avuto la possibilità di notare delle novità in termini di regole. Per chi si fosse chiesto se ci sono state modifiche al regolamento, la risposta è affermativa; infatti, ciò che si era già potuto apprezzare nelle amichevoli estive, è diventato realtà: le regole votate a marzo dello scorso anno dall’IFAB (International Football Association Board), sono entrate in vigore a giugno 2019 e ci accompagneranno, forse, a lungo. Come ci racconta Sky, c’è stata una vera e propria mini-rivoluzione e guai a sottovalutarla e non “istruire” tutti gli addetti ai lavori. Vediamo perché.

Cartellini agli allenatori, calcio di rinvio e sostituzioni

Sono tanti i momenti di gioco in cui intervengono le nuove regole; molte novità sono volte a favorire una ripresa di gioco più veloce e a ridurre le perdite di tempo, tutto a favore dello spettacolo, soprattutto nella nuova era delle scommesse sportive e delle televisioni.

Proprio grazie alle nuove regole, sarà probabilmente possibile scommettere sulle ammonizioni comminate agli allenatori, visto che già alcuni siti di scommesse sportive, con Betfair in primis, propongono la quota sulla prima ammonizione di una delle due squadre. Proprio così, l’allenatore potrà essere non solo espulso, ma anche ammonito: una delle introduzioni è l’estensione dei cartellini ad allenatore e staff della panchina.

Segue poi una rimessa dal fondo più rapida: non sarà infatti obbligatorio ricevere il pallone all’esterno dell’area di rigore, il tutto volto a velocizzare il gioco e a favorire un’uscita dalla difesa più “costruita” palla a terra, poiché il difensore potrà controllare il pallone già in area di rigore. Stop ai rallentamenti anche durante le sostituzioni: il calciatore sostituito uscirà dal campo nel punto più vicino in cui si trova, niente più lunghe passeggiate per guadagnare l’uscita.

Vedi anche  Coppa Italia 2015, una finale tutta da gustare!

Rigori, falli di mano e tocco dell’arbitro

Attenzione anche alle esultanze: qualora un calciatore dovesse esultare in maniera non consentita dal regolamento, la sanzione varrebbe comunque anche nel caso in cui il goal dovesse essere annullato. Altra regola per rendere il gioco sempre più gradevole e veloce è il “giallo ritardato”, dove, in caso di un fallo tattico a favore, il calcio di punizione potrà essere battuto rapidamente per trarne vantaggio ed il giocatore autore del fallo tattico verrà ammonito solo ad azione conclusa.

Non vedremo più portieri “aggredire” il pallone durante i calci di rigore, per via della nuova regola ferrea: il portiere dovrà attendere sulla linea di porta e al momento della battuta, avere obbligatoriamente almeno un piede sulla linea di porta o (nel caso fosse alzato) in linea con essa. Inoltre, nella preparazione del rigore, il portiere non potrà toccare pali e traverse per innervosire l’avversario.

Chissà cosa penserebbe lo storico portiere del Liverpool Grobbelaar, “maestro” nell’innervosire gli avversari. Inoltre, l’arbitro non sarà più neutro nel caso dovesse toccare il pallone ma risulta evidente che tale norma preveda una grossa discrezionalità da parte del direttore di gara, per valutare se il proprio tocco influisca in maniera importante. Un’altra grande novità sarà il divieto assoluto per gli attaccanti di allungare la barriera in caso di punizione: i componenti della barriera saranno solo ed esclusivamente i giocatori della squadra che difende, non sarà quindi più possibile “confondere” i portieri sui calci piazzati. Anche il tanto discusso fallo di mano ha beneficiato delle modifiche estive con l’introduzione di un parametro “oggettivo” che prevede la punizione per il giocatore che porta l’arto al di sopra della linea della spalla, aumentando il cono d’azione del braccio.

Vedi anche  Umbro veste la nazionale serba

Tutto questo nuovo “corso” si aggiunge alla sempre più presente “digitalizzazione” del calcio e dello sport in generale. L’introduzione del VAR e la consacrazione della tecnologia della linea di porta testimoniano un grande impegno da parte di tutti gli addetti ai lavori per rendere sempre più affascinante, veloce e televisivamente gradevole il gioco più bello del mondo.