Ecco cosa portare in campeggio per godersi al meglio le proprie vacanze

Decidere di trascorrere una vacanza o magari un weekend in campeggio o in tenda è uno dei modi migliori per riconnettersi alla natura, e recuperare dei ritmi di vita che purtroppo durante la quotidianità si perdono tra lo stress del lavoro o degli impegni vari. Il campeggio, inoltre, consente di visitare alcuni posti incredibili in una maniera impensabile rispetto a quanto avverrebbe stando in albergo.

Il campeggio però, se da una parte dà grandi soddisfazioni, richiede una buona preparazione. Non solo bisogna essere pronti a eventuali imprevisti, ma è necessario avere tutto l’occorrente per poter trascorrere le proprie vacanze al meglio. Si tratta di pochi accorgimenti che possono davvero fare la differenza.

Naturalmente la prima cosa da procurarsi è la tenda. Dato che si tratta di un oggetto fondamentale, bisogna sceglierla bene e fare tutte e valutazioni del caso. Una tenda deve necessariamente essere impermeabile, e abbastanza spaziosa da poter dormire comodamente. In commercio ci sono tantissimi modelli: dalle tende a igloo a quelle a casetta, con varie zone, pensate appositamente per le famiglie o per gruppi numerosi. Se siete alla vostra prima esperienza, valutate anche la facilità di montaggio. Le tende di modello quechua sono perfette, perché si montano da sole: basta lanciarle (letteralmente) in aria e il gioco è fatto.

Dormire sotto le stelle ha un fascino innegabile. Ma è molto più comodo se lo si fa in un comodo e impermeabile sacco a pelo. Non solo vi proteggerà dal freddo (anche d’estate, le temperature durante la notte possono essere rigide, o l’umidità può causare problemi), ma consente anche di dormire comodamente: alcuni campeggiatori incalliti trovano il sacco a pelo persino più comodo di un letto. In alternativa, si può optare per un materasso gonfiabile e delle lenzuola: non darà lo stesso “effetto campeggio”; ma vi permetterà di dormire bene e di non stare a contatto con il fondo della tenda o il terreno.

Campeggio è anche convivialità e divertimento con amici e famiglia. Cosa c’è di meglio allora di un bel pranzo all’aperto? Procuratevi un fornello da campo, che vi consentirà di cucinare tranquillamente. Ce ne sono di modelli a gas o anche elettrici. L’importante è che siano di buona qualità e facili da trasportare e pulire. Naturalmente, serviranno anche un tavolo (ce ne sono di molti pieghevoli e comodi) e di alcune sedie da campeggio. Per sfruttare anche le serate, non possono mancare le lanterne da campeggio, da fissare alla tenda o magari su un tavolino per darvi l’illuminazione di cui avete bisogno anche di notte. I modelli sono tanti, e differiscono soprattutto in base alla fonte di energia. Particolarmente comode sono le lanterne solari: basta farle ricaricare durante la giornate esponendole al sole, senza bisogno di portare con sé batterie o caricatori speciali.

In campeggio, non c’è nulla di più rilassante di rilassarsi dondolandosi su un’amaca, all’ombra di un albero, dopo una giornata di escursionismo. Procuratevene quindi una robusta e comoda. Alcune hanno anche dei sostegni già incorporati, per poterla montare ovunque. E se il caldo si fa sentire, vi farà comodo una borsa termica, in cui conservare delle bibite fresche.

Quando si sta in campeggio gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. E’ importante quindi procurarsi un kit di pronto soccorso, per avere tutto l’occorrente in caso di necessità. Conservatelo in tenda, e portatelo con voi quando uscite per una camminata o un’escursione.

Vedi anche  La disinfestazione mosche comincia con una lotta seria