Come eliminare la processionaria dei pini?

La riproduzione della Thaumetopoea pityocampa

Nei giorni in cui la Thaumetopoea pityocampa si trova nello stadio adulto, ovvero quando è una farfalla, può essere fecondata, e questa processionaria è molto temuta anche per le sue capacità di riproduzione molto elevate.

Un esemplare femmina è in grado di deporre in un’unica volta fino a 300 uova, uova che sono destinate a divenire nell’arco di brevissimo tempo nelle temute larve che si nutrono appunto di aghi di pino.

Bisogna peraltro aggiungere che la processionaria del pino sa rivelarsi pericolosa anche quando è nel suo stadio adulto: le falene infatti, se attaccate, possono emettere un particolare liquido dal forte effetto irritante.

Disinfestazione della processionaria del pino

La disinfestazione della processionaria del pino è, come detto un intervento obbligatorio e strettamente necessario, sia per la salute degli alberi che per evitare rischi a persone ed animali.

Si tratta sicuramente di un intervento di disinfestazione piuttosto complesso, sia perchè questi insetti sono piuttosto ostici da sconfiggere, sia perchè bisogna assolutamente scongiurare qualsiasi tipo di contatto con essi.

Se si intende eseguire una disinfestazione della processionaria del pino, dunque, è necessario rivolgersi ad una ditta specializzata in processionarie: dei professionisti esperti saranno certamente in grado di valutare le modalità di intervento più adatte per il singolo caso, scongiurando anche l’eventualità che questo indesiderato insetto possa ripresentarsi.