Come abbattere il costo di un trasloco: qualche consiglio utile

3D render of removal men loading a van

A tutti può capitare di dover cambiare casa perchè magari si è trovato un nuovo posto di lavoro, o perchè si vogliono proseguire gli studi in un ambiente totalmente nuovo, o perchè ci si vuol avvicinare a qualche amico o parente. O più semplicemente per cambiare aria e provare un’avventura totalmente nuova, in un posto diverso e con persone che siano a noi sconosciute.

Ma per rendere pratico questo nostro sogno dobbiamo valutare per bene il costo di un trasloco poiché è naturale che spostare mobili e oggetti vari da una casa all’altra non sia affatto una cosa da poco: spesso e volentieri questo processo può venire a costare ben più del previsto, soprattutto quando non si sono valutate attentamente tutte le variabili che concorrono alla definizione di una spesa per trasloco locali.

Per abbassare sensibilmente il prezzo di una tale procedura possiamo però muoverci su più fronti. Ad esempio possiamo cominciare a raggruppare del cartone in buono stato senza ricorrere necessariamente a un negozio che ce lo venda a pezzo: il nostro negoziante di fiducia vede cartoni dalla mattina alla sera per via del carico/scarico merci a cui un qualunque locale commerciale è abituato. Di conseguenza possiamo provare a chiedergli se ci può conservare qualche scatolone anziché destinarlo al macero: in questo modo faremo un favore a lui e al tempo stesso ce lo staremo facendo a noi stessi.

Ma se c’è un fattore che contribuisce a definire un preventivo particolarmente alto, quello è sicuramente dato dall’elevatore. Se abitiamo all’ultimo piano o comunque sia al piano alto di un palazzo, l’elevatore è necessario per rendere le procedure di sgombro molto più efficaci e veloci, ma come possiamo immaginare questa comodità ha un prezzo che non è neanche tanto ininfluente: in genere il noleggio di una piattaforma elevatrice può venire a costare sui 250 euro al giorno a cui vanno sommati i costi relativi all’occupazione di suolo pubblico da destinare al Comune di appartenenza. Per questo, se fossimo a conoscenza di qualcuno pronto a darci una mano nel far recapitare i mobili dall’ultimo piano al piano terra, sicuramente ci assoggetteremmo a uno sforzo fisico maggiore ma ne guadagneremmo di molto sotto un punto di vista economico!

Vedi anche  Videosorveglianza e sistemi di sicurezza, qualche suggerimento

E anche per il trasporto vale lo stesso identico dicorso: spesso e volentieri un familiare, un amico, un conoscente o magari un vicino di casa sono in possesso di un furgone abbastanza capiente. Dandogli un contributo di riconoscimento potremmo risparmiare anche sotto questo punto di vista, evitando di sostenere la spesa necessaria per noleggiare il camion o il furgone di una ditta specializzata nei traslochi.