Il benessere visivo al primo posto

Il particolare periodo storico che stiamo vivendo ci costringe a passare ore in casa, e molto spesso si resta dinanzi alla TV concentrati nella visione di un film o di una serie.

Lavorare da remoto, o smart working volendo utilizzare un inglesismo, implica trascorrere molto tempo a fissare lo schermo del pc.

I telefoni cellulari e le applicazioni di messaggeria veloce facilitano, indubbiamente, la comunicazione con coloro che vivono in altre città.

Tutte queste attività potrebbero, a lungo andare, affaticare gli occhi e la vista.

Il lockdown ha soltanto facilitato la presa di coscienza di questa situazione, ma già da tempo alcuni studi rivelano un aumento dei disturbi visivi non strettamente riconducibili all’età che avanza.

Cosa sono i difetti della vista?

Utilizzando la locuzione difetti della vista si intende l’insieme di quelle patologie che comportano una visione alterata.

Ci si accorge di essere affetti da un disturbo visivo quando si è in presenza di particolari sintomi.

Si potrebbe citare l’affaticamento oculare, il cambiamento del colore dell’iride ma si potrebbe anche far riferimento alla difficoltà di mettere a fuoco un oggetto.

Molto spesso può capitare, magari trascorrendo troppe ore dinanzi ad uno schermo che si avverta un dolore agli occhi con relativo prurito, fastidio o dolore.

Tutti gli schermi, in effetti, emettono una luce che è nociva per gli occhi quasi quanto lo è la luce solare.

Sarebbe opportuno, come consigliano gli esperti, distogliere lo sguardo dallo schermo, fare una breve pausa e guardare lontano per almeno cinque minuti.

Sono preziosi consigli che dovrebbero essere seguiti, per evitare complicazioni alla vista e disturbi.

Vedi anche  Distributori Herbalife a Roma

Quali sono i difetti visivi più diffusi?

Sicuramente rientrano tra i difetti visivi più comuni e diffusi tra la popolazione la miopia, l’astigmatismo e la presbiopia.

Per miopia si intende la difficoltà che si riscontra nella messa a fuoco da lontano.

Il termine astigmatismo rimanda, invece, ad una difficoltà di messa a fuoco che riguarda tanto gli oggetti vicini quanto quelli lontani.

La presbiopia, invece, ha a che fare con la difficoltà del cristallino di mettere a fuoco gli oggetti vicini.

Solitamente tali difetti possono essere corretti, evitando l’aggravarsi del disturbo, tramite l’utilizzo degli occhiali da vista.

Nei casi più gravi, è richiesto l’intervento chirurgico per correggere eventuali anomalie e problematiche.

Tuttavia, se si presentano dei problemi di vista è consigliato effettuare una visita presso un centro specializzato in grado di fornire strumenti tecnologici e all’avanguardia, come quelli Essilor International.

In passato si era soliti pensare che i difetti della vista fossero direttamente proporzionali all’avanzare dell’età e dipendessero da fattori genetici. L’evoluzione della scienza ha sfatato questa convinzione, dimostrando che l’uno può essere slegato dall’altro.

Nel caso in cui, a seguito di una visita specialistica, si dovesse rendere necessario l’utilizzo degli occhiali da vista sarà sufficiente recarsi dal proprio ottico di fiducia per trovare la montatura che meglio valorizza la forma del viso e si abbina alla propria personalità.

L’evoluzione della tecnologia e dell’innovazione hanno permesso di dar vita a montature e lenti che sono in grado di soddisfare i gusti e le richieste anche dei più esigenti.

Con le giuste lenti, il futuro è più chiaro e limpido.