Con il DEF per il prossimo anno arriva il reddito di cittadinanza

reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è stato uno dei principali “cavalli di battaglia” del M5S alle scorse elezioni politiche e ora si appresta a diventare una realtà. La partenza è prevista dal 1 Aprile del prossimo anno, dopo che sarà stata portata a termine la riforma dei centri per l’impiego. Ecco come si potrà ottenerlo e come funzionerà.

Cos’è e come funziona il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza, che includerà anche le somme del “reddito di inclusione” già introdotto dai governi precedenti, è in sostanza un aiuto economico che serve ad eliminare le disuguaglianze esistenti e inserire nel mondo del lavoro cittadini che attualmente ne sono esclusi. La soglia di povertà in Italia è stata stabilita dall’Istat in 780 euro al mese per le persone che vivono da sole, e varia in base al numero dei componenti del nucleo familiare, per cui in una famiglia di tre persone con entrambi i genitori disoccupati e un figlio minore, il “reddito di cittadinanza” spetta ad entrambi. Nel caso in cui esistano delle pensioni, ad esempio di 500 euro, la somma erogata sarà quella necessaria per raggiungere la soglia. Per continuare ad usufruire nel tempo di questo reddito i cittadini dovranno osservare delle regole, pena la decadenza del diritto stesso.

I requisiti necessari per richiedere il reddito di cittadinanza

Per poter richiedere l’erogazione del reddito di cittadinanza sono necessari i seguenti requisiti:

– Aver compiuto il 18esimo anno di età

– Essere disoccupati

Vedi anche  Rimozione Amianto: incentivi previsti nel bilancio 2017 del comune di Ferentino

– Possedere un reddito derivante da lavoro inferiore alla “soglia di povertà”, che deve essere dimostrato tramite il documento “ISEE”

– Possedere una pensione inferiore alla “soglia di povertà”. In questo caso la definizione dell’aiuto economico è chiamata “pensione di cittadinanza

Nelle ultime precisazioni esposte dal ministro Di Maio si sono aggiunti anche altri requisiti:

Residenza in Italia da almeno 10 anni per gli stranieri

– Durata del reddito di cittadinanza fino a un massimo di 3 anni

Reddito ISEE inferiore a 8 mila euro

Come ottenere e conservare il reddito di cittadinanza

Per ottenere e mantenere il reddito di cittadinanza devono essere osservate le seguenti regole:

Effettuare l’iscrizione presso i “Centri per l’impiego” e dichiarare la disponibilità per una chiamata al lavoro

– Dare inizio ad un percorso di “ricerca attiva” del lavoro e effettuare questa ricerca per un minimo di 2 ore giornaliere

– Dare disponibilità, per 8 ore a settimana, per lavori socialmente utili del comune di appartenenza

– Frequentare dei corsi di “qualificazione professionale”

– Comunicare con tempestività tutte le variazioni del reddito ai “Centri per l’impiego”

– Dare risposta positiva ad almeno uno dei primi tre posti di lavoro offerti