la legge di stabilità porta nuove modifiche alla regolamentazione delle slot

Se c’è una cosa che non si può negare è che buona parte degli italiani siano attratti dal gioco d’azzardo e in particolare dal mondo delle slot. Ormai, con l’avvento di internet, l’universo governato dalla dea bendata si è trasferito anche sul web e sempre più sono gli appassionati di poker, slot e scommesse ti ogni tipo. La forza del gioco d’azzardo nel Belpaese è testimoniata dal forte tasso di crescita, uno dei più alti tra i vari settori produttivi, e infatti analizzando i dati relativi allo scorso anno si può ben notare che oltre un milione e mezzo di italiani ha effettuato giocate proprio sulle piattaforme online. E la tendenza è in continua crescita.

La nuova legge di stabilità e le modifiche nel settore delle slot machine

Non solo il gioco d’azzardo in generale, ma nello specifico sembra proprio che il mondo delle slot sarà stravolto dalla nuova Legge di Stabilità. Come è stato in precedenza accennato, il gambling, e in particolare il settore del gioco online ha fatto registrare una crescita del 13% nel 2015 con i giocatori che sono arrivati a spendere fino a 821 milioni di euro, il 4,8% sul totale del settore giochi. Guardando dallo specifico il versante del gioco online, è stato proprio l’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano a presentarne i dati e in particolare quelli relativi al suo andamento sulle piattaforme del web. Sempre secondo questa indagine il gioco andrebbe suddiviso in cinque principali categorie: Casinò Online, Scommesse Sportive, Poker, Scommesse Virtuali e Skill Games. Quello che sembra avere più entrate è il settore del casinò online e questo proprio grazie alla massiccia presenza delle slot, le quali a ben vedere saranno interessate da alcuni cambiamenti per volere del governo (anche a causa delle pressioni effettuate dalle varie associazioni contro la ludopatia). Il settore del casino online registra una crescita annua del 27%, dove il 60 % degli introiti dipende dalle slot machine; inoltre questi introiti aumentano del 41% su base annua.
Sostanzialmente, l’obiettivo della Legge di stabilità è quello di affrontare e risolvere, principalmente, la dipendenza dal gioco e la piaga del gioco illegale e di aumentare le entrate fiscali, prevedendo in tal senso un incremento della tassazione per le slot portandola al 17,5% per le entrate che supereranno i 500 milioni annui. La modifica andrà ad interessare anche le slot VLT e la tassazione sarà così incrementata fino al 5,5%.
Al fine di arginare l’illegalità, la finanziaria del governo prevede anche un inasprimento delle sanzioni per quelle slot che ad esempio potrebbero collegarsi a casinò online senza licenza AAMS, rischiando di vedersi infliggere multe fino a 20mila euro.
Un giro di vite pesante ma necessario sotto alcuni aspetti, perché punta a preservare la legalità e la salute fisica e psicologica delle persone.

Vedi anche  Gli italiani cercano investimenti sicuri, ma non sanno dove guardare