Oro usato, ho dei brutti gioielli che non mi piacciono cosa ne faccio?

collier oro usato

Alzi la mano chi non ha in casa qualche oggetto in oro che non gli piace, che è rotto o che, essendo un regalo ricevuto da bambino, è ormai fuori moda, oltre che troppo piccolo o infantile per essere indossato. Questo oro usato non ha nemmeno un significato affettivo perché in realtà nemmeno ricordiamo di averlo e forse nemmeno da dove è arrivato. Per non parlare poi di orecchini spaiati, bracciali con chiusure rotte e mai fatte aggiustare.  Questi gioielli in oro o in argento sono un piccolo capitale dimenticato, che forse non abbiamo mai preso in seria considerazione. Invece, nei paesi come nelle città, è possibile scambiare oro usato con denaro contante da poter utilizzare per risolvere qualche problema o regalarsi qualcosa che si desidera, o anche una vacanza. Questa possibilità è aperta a tutti, purché maggiorenni, ed è molto facile ed immediato riuscire a vendere i propri gioielli in oro o argento.  A Roma, ad esempio, basta davvero poco per convertire gioielli in soldi rivolgendosi ad un compro oro affidabile, serio e professionale.

La prima cosa da fare è mettere insieme tutti i pezzi in oro di cui ci si vuole disfare. Probabilmente si scoprirà che sono molto più di quanto si pensi. Basta pesarli, anche su una semplice bilancia da cucina, per rendersi conto che i grammi di oro si sommano facilmente. Una volta che si ha un’idea, anche approssimativa, di quanto oro o argento si possiede da voler vendere, la cosa migliore è fare una visita ad un sito online. Si trova facilmente e in genere la navigazione è molto semplice anche per i non esperti. Così facendo ci si può rendere conto della quotazione dell’oro in quel momento ed è anche possibile, se ci appare conveniente, bloccarla su quella cifra. Il procedimento è semplice: una volta bloccata la cifra di quotazione dell’oro al grammo, ci si potrà poi recare con calma in compro oro  Roma e verificare quanto è conveniente l’affare. Da ricordare che fissare il prezzo sul sito online non obbliga alla vendita del proprio oro, se si dovesse cambiare idea. La visita in negozio servirà a chiarire ogni dubbio e ad avere tutte le informazioni al riguardo, senza nessun impegno. Naturalmente, ci sono alcuni dettagli da considerare per essere sicuri di fare un ottimo affare.

Vedi anche  L'introvabile fabbro invece si trova facile

Innanzitutto, ci si deve rivolgere ad un compro oro serio e certificato. A Roma ce ne sono e per riconoscerli bisogna far caso al fatto che richiedano i documenti quando vengono portati loro dei preziosi, che pesino l’oro o l’argento in nostra presenza e che il peso sia molto vicino a quello che avevamo controllato noi (se disponiamo di una bilancia abbastanza precisa).  Se i gioielli che abbiamo portato da vendere contengono pietre o altri metalli, il loro peso andrà naturalmente sottratto al peso dell’oro. In genere, la maggior parte dell’oro commerciato in Italia è a 18 carati. I carati sono l’indicazione di quante parti di oro sono contenute nella lega, perché l’oro è molto duttile e tenero e viene addizionato ad altri metalli per aumentarne la resistenza. L’oro a 18 carati contiene circa il 75% di oro puro. Quando il compro oro propone un prezzo che si ritiene equo e ci si accorda per la vendita, si può uscire dal negozio con soldi contanti, se la cifra è compresa in quella prevista dalle norme di legge, o con un assegno. Di sicuro non ci sarà da aspettare per disporre dei soldi e poterli usare per i propri desideri.

Quando i compro oro cominciarono a proliferare nelle grandi città, come anche a Roma, dopo l’iniziale stupore ci fu diffidenza. Ora che il mercato si è assestato e i negozianti con pochi scrupoli sono stati eliminati dalla concorrenza onesta, vendere l’oro usato è diventato facile e sicuro. Non tutti pensano a questa possibilità quando hanno bisogno di soldi, eppure è una opportunità molto interessante, soprattutto perché immediata e facilmente gestibile. Tutti, o quasi, disponiamo di un piccolo tesoretto. C’è chi preferisce lasciarlo in un cassetto e chi invece vuole trasformarlo in qualcosa di utile o semplicemente emozionante.

Vedi anche  Le regole per organizzare un trasloco perfetto