L’asbestosi

foto asbesto 300x300 - L’asbestosiLa pericolosità dell’eternit è da anni ampiamente documentata. Ad essere particolarmente nocive sono le sue fibre che iniziano ad essere rilasciate quando il materiale inizia a deteriorarsi. Un’esposizione prolungata a queste sostanze nocive e la loro inalazione possono provocare gravi patologie tra le quali anche l’asbestosi.

Cos’è l’asbestosi?

Si tratta di una malattia polmonare professionali la cui causa è l’inalazione continua e ripetuta nel tempo di absesto, ossia di fibre di amianto. È una malattia cronica che colpisce soprattutto chi durante la propria vita si è trovato a lavorare con l’eternit come i minatori ma anche chi ha usufruito di un manufatto finale. Questo materiale è stato molto utilizzato durante il secolo scorso. La sua alta resistenza lo rendevano adatto nell’edilizia, nel settore automobilistico, navale ma anche alimentare. Trovarsi a contatto con le fibre di amianto, quindi, non era molto difficile.

Le fibre di absesto sono piccolissime particelle che, una volta inalate, non riescono ad essere distrutte dall’organismo umano e iniziano a depositarsi nei polmoni. Queste particelle non degradabili con il tempo finiscono per intaccare il tessuto polmonare creando del tessuto fibrotico e cicatriziale che altera la naturale funzione respiratoria. Le difficoltà respiratorie possono trasformarsi in una vera e propria insufficienza e, nei casi più gravi, può manifestarsi un mesotelioma pleurico, una grave forma tumorale dei polmoni.

Sintomi e diagnosi dell’asbestosi.

I primi sintomi di questa malattia possono comparire anche a distanza di tanti anni dall’esposizione alle fibre. Le prime conseguenze possono insorgere dai 7 fino ai 30 anni successivi. Il sintomo più evidente è la difficoltà respiratoria, prima solamente sotto sforzo e poi anche a riposo. Alla dispnea può aggiungersi tosse, costrizione al torace, senso generale di stanchezza, infezioni ai bronchi. Una visita pneumologica, una radiografia al torace e una TAC sono gli esami più effettuati per la diagnosi della malattia. L’asbestosi non ha una cura: la terapia utilizzata ha lo scopo principale di alleviare i sintoni e le difficoltà del paziente cercando di garantire uno stile di vita il più normale possibile. Nei casi più gravi si può optare per un trapianto.

Vedi anche  L'uso delle padelle in pietra per una cottura ipocalorica

Più che curare, è importante la prevenzione. È consigliabile eliminare qualsiasi possibilità di pericolo e annullare ogni possibilità di rilascio delle fibre di absesto dai manufatti in amianto. Affidarsi a ditte specializzate – nella zona di Latina vi consigliamo questa: smaltimentoamianto.latina.it – che si occuperanno della messa in sicurezza o della rimozione e smaltimento di questo materiale nocivo può veramente salvare la vita.