Le regole per organizzare un trasloco perfetto

imballaggio foto

Che tu stia per traslocare dal tuo appartamento o dal tuo ufficio, lo spostamento di mobili e complementi di arredo da una location a un’altra si può rivelare molto impegnativo non solo in termini di tempo, ma anche dal punto di vista psicologico: gli aspetti che meritano di essere presi in considerazione, infatti, sono tanti, e non è detto che tu debba essere costretto ad affidarti a una ditta del settore. Per i traslochi a Olbia, a Roma, a Venezia o in qualsiasi altra città, è importante che tu tenga conto di alcune semplici regole da seguire, che ti potranno tornare utili in ogni momento.

Ricordati, per esempio, di prestare la massima attenzione ai contatori del gas, dell’acqua e della luce. Non dimenticare, poi, di adottare grande cautela nel caso in cui tu abbia a che fare con dei bambini o con degli animali domestici, che potrebbero risentire in negativo dei cambiamenti in corso. Evita il fai da te se pensi di dover portare molti mobili e oggetti fragili: l’aiuto di un’azienda specializzata in questo ambito si può rivelare fondamentale, a maggior ragione se la distanza tra il luogo di partenza e il luogo di arrivo è piuttosto ampia.

Come trovare la ditta giusta

A questo punto, si pone il problema di trovare la ditta più in linea con le tue esigenze: per essere certo di spendere poco senza rinunciare a standard di qualità elevati, il primo passo da compiere è quello di chiedere più di un preventivo, contattando aziende differenti. Così facendo, non ti limiterai a mettere a confronto i prezzi, ma avrai anche la possibilità di paragonare i servizi messi a disposizione. Insomma, non commettere lo sbaglio di pensare che il costo rappresenti il solo fattore da valutare per la scelta di una o dell’altra azienda.

Chi contattare

Sono molti, poi, gli adempimenti burocratici di cui ti devi occupare: cerca di non tralasciarne nemmeno uno, o rischi di subire dei profondi disagi con il passare del tempo. Per il cambio di indirizzo, per esempio, devi informare le poste e la società che eroga il servizio telefonico. Se vivi in condominio non puoi fare a meno di avvertire per tempo l’amministratore, mentre per tutti gli altri oneri non dimenticare di avvisare l’ufficio anagrafe del Comune, così da gestire il cambio di residenza a tempo debito.

Per ciò che concerne il trasloco vero e proprio, e quindi il trasferimento dei mobili, non tralasciare alcun dettaglio: prima di smontare una libreria o un tavolo, per esempio, ricordati di fotografarli con lo smartphone o di segnarti su un foglio tutti i particolari che ti potrebbero tornare utili per rimontarli, annotando la collocazione precisa dei vari ripiani, dei vari cassetti e delle varie ante. Per ciascun mobile utilizza delle scatole diverse in cui riporre i bulloni e le viti, in modo tale da non confonderli. I pezzi più lunghi e le ante, una volta che sono stati impacchettati, devono essere legati con l’aiuto di una corda, collocata più o meno a metà altezza. Sei pronto per affrontare il trasloco, dunque?