Aumento del +20% per la raccolta di carta e cartone a Napoli

riciclo carta e cartone

Di problemi con lo smaltimento rifiuti Napoli ne ha avuti troppi. Non con pochi sforzi però la città ha saputo rialzarsi e oggi il capoluogo campano risulta essere una delle città italiane dove si ricicla più carta e cartone.

Nel 2016, nella sola città di Napoli sono state raccolte 38mila tonnellate di carta, con una crescita del 20% rispetto all’anno precedente. I dati, resi pubblici da Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) mettono in evidenza un incremento di carta raccolta di circa 7 mila tonnellate.

Più in generale, su tutta la Penisola, il modello adottato per la raccolta e il riciclo di carta e cartone sembra funzionare. La situazione ha visto un miglioramento soprattutto al Sud, conseguenza anche di una maggiore sensibilità rispetto al tema. Secondo Montanetti, presidente di Comieco, sono stati tre fattori, tra loro combinati, ad aver determinato il miglioramento: una maggiore attenzione da parte delle Amministrazioni locali, una maggiore sensibilità dei cittadini e un buon funzionamento del servizio di raccolta.

Se al Sud, in particolare nelle città di Napoli e Bari, i dati inerenti alla raccolta differenziata di carta e cartone registrano un’andatura positiva, lo stesso non si può dire per quanto concerne la Capitale, dove continuano ad esserci grossi e ancora irrisolti problemi legati alla gestione dei rifiuti.

Sebbene i risultati siano buoni occorre ancora un impegno maggiore, in modo particolare in quelle regioni in cui la gestione dei rifiuti tramite raccolta differenziata fatica ancora a decollare. Tra queste, Sicilia e Calabria ma anche la Liguria può sperare in risultati migliori.